Quella di Nicola non è una famiglia felice, nonostante questo sia lo slogan più ricorrente in casa. Papà è un uomo dal carattere deciso, forte e dispotico, rozzo e aggressivo, di quelli che non ammettono altre decisioni se non le proprie. Nessuno può contraddirlo, mai. Tanto meno sua moglie e sua figlia Mara, una ragazzina che con i suoi quattordici anni inizia a sentirsi grande. Donne, ripete spesso, deboli e fragili, da proteggere e tenere a freno. Con Nicola invece, il piccolo di famiglia, è tutta un´altra cosa, perché è un maschio e tra uomini, ovvio, ci si intende. Del resto il bambino stravede, ricambiato, per suo padre, invincibile ai suoi occhi quanto un super eroe di quei fumetti di cui è tanto appassionato. Tutto l´opposto di mamma, una donna bella ma fragile, silenziosa e delicata, dalla pelle sottile. Distratta, cui capita spesso di cadere, di urtare gli spigoli dei cassetti o le ante degli armadi, inconvenienti che le lasciano brutti lividi e ferite sulla fronte, sul collo e sulle braccia.Quando un giorno gelido d´inverno la loro vita di famiglia felice per finta incrocia quella di Sarolta – una senzatetto bisognosa d´aiuto che la mamma decide di soccorrere malgrado le regole imposte dal marito – la realtà di segreti e menzogne viene allo scoperto. Nonostante la durezza del tema, Nemmeno con un fiore è un racconto lieve e coinvolgente, che entra con delicatezza e attenzione dentro il patologico equilibrio della famiglia violenta dove la rabbia incontrollata del carnefice incontra la paura e i silenzi delle vittime, l´incredulità, l´impotenza o la complicità di altri attori.
Fabrizio Silei – premio Andersen 2014 come miglior scrittore – con la sua grande sensibilità e la sua penna felice riesce a raccontare con gli occhi di un bambino l´amore molesto e malato di un padre padrone, di cui l´amore sconfinato di un figlio non riesce a darsi ragione. Dai 12 anni.

Dalla recensione di Rossana Sisti per Avvenire

 

Puoi acquistare il libro su Amazon,  IBS o rivolgerti al tuo libraio di fiducia.